Identitatea Românească - Identità Romena
Sabato Agosto 24, 2019, 20:16:10 *
Benvenuto! Accedi o registrati.

Accesso con nome utente, password e durata della sessione
Notizie: SMF - Just Installed!
 
   Home   Guida Ricerca Accedi Registrati  
Pagine: [1]
  Stampa  
Autore Discussione: ORGANIZZAZIONI ROMENE E LA DEMOCRAZIA..QUESTA SCONOSCIUTA......  (Letto 1372 volte)
0 utenti e 1 Utente non registrato stanno visualizzando questa discussione.
Giancarlo Germani
Moderator
Newbie
*****
Scollegato Scollegato

Messaggi: 1894


Presidente PIR


Mostra profilo
« inserito:: Mercoled Ottobre 08, 2014, 14:42:40 »

Da otto anni proviamo a far capire alla gente che in occidente le organizzazioni sociali e politiche,siano esse associazioni o partiti devono essere libere e democratiche e devono essere caratterizzate da partecipazione,confronto democratico,elezioni interne e da spirito di liberta' e solidarieta'.

Non abbiamo fatto parole ma fatti visto che il Pir ha svolto il primo Congresso pubblico nel dicembre del 2010 nel quale ha eletto i propri organi interni e che il 6 dicembre si svolgera' il secondo Congresso nel quale di nuovo saranno rieletti gli organi del Partito ed un nuovo Presidente visto che per Statuto il Presidente non puo' essere rieletto oltre i due mandati di 4 anni ciascuno.

Come in ogni organizzazione occidentale,meno quelle romene in Italia,4 candidati si contenderanno democraticamente la carica di presidente del Pir e vincera' quello che otterra' maggiori consensi.
 .
In Italia le organizzazioni romene tentano di fermare il tempo e gli effetti della caduta del comunismo mettendo in piedi della organizzazioni che non hanno lo scopo di favorire l'associarsi delle persone,il dibattito democratico e la rappresentanza della comunita' ma che hanno lo scopo di permettere ai presidenti,spesso unici protagonisti della propria associazione,di poter fare i loro piccoli affari e di proporsi come partner a questo o quel partito romeno quando non a tutti contemporaneamente come qualche genio dei Carpazi in salsa diasporana ha fatto gia' piu' volte.

La conseguenza della mancanza di organizzazioni democratiche nella comunita' romena purtroppo si fa' sentire ed e' uno degli handicap principali per la nostra comunita',l'unica nella quale i suoi esponenti invece di collaborare tutti insieme per uno scopo comune:il bene di tutti...si fanno continuamente la guerra per dividersi e rimanere divisi il piu' possibile.

La gente quindi si tiene ben lontana da questo tipo di organizzazioni ma cosi' facendo 2 milioni di romeni rimangono isolati e senza alcuna vera degna rappresentanza nelle sfere sociali e politiche non contando praticamente nulla nella societa' italiana pur essendo la prima tra le comunita' straniere.

In Romania nessuno ha insegnato la democrazia vera,quella occidentale,ai partititi romeni che dopo 25 anni dal colpo di Stato di Iliescu hanno ancora strutture post feudali o comuniste che tentano oltretutto di esportare in occidente nei paesi dove e' presente la diaspora romena con il triste fenomeno delle filiali dei partiti romeni e che esistono solo sulla carta e non tra la gente.

Che i romeni in Italia prima o poi si debbano organizzare democraticamente....o per conto loro o nelle organizzazioni italiane,è fuor di dubbio che accadra'....ma prima sara' e prima i cittadini romeni diventeranno dei cittadini europei come tutti gli altri.

Rifiutarsi di cambiare abitudini li condannera' ancora per molto alla sudditanza dai partiti romeni ed ad avere dissociazioni invece di associazion i che lavoreranno ognuna per il proprio tornaconto una contro l'altra..che è proprio il contrario di quello che una comunita' straniera deve fare all'estero.

Noi come al solito ci sforziamo di indicare la strada...come con il Presidente italiano,con le manifestazioni sin dal 2010 contro l'aumento delle tasse consolari,con il totale rifiuto dei partiti romeni in Italia ed adesso con la elezione di un nuovo Presidente....vedremo quante organizzazioni romene avranno il coraggio di cambiare e di seguirci sulla strada della democrazia e della dignita'.
Uniti suntem o forta.
« Ultima modifica: Mercoled Ottobre 08, 2014, 15:19:55 da Giancarlo Germani »

Share

Registrato

Pagine: [1]
  Stampa  
 
Vai a:  

Powered by MySQL Powered by PHP Powered by SMF 1.1.21 | SMF © 2006-2009, Simple Machines
XHTML 1.0 valido! CSS valido!
Pagina creata in 0.051 secondi con 21 query.