Identitatea Românească - Identità Romena
Marted Luglio 16, 2019, 06:28:46 *
Benvenuto! Accedi o registrati.

Accesso con nome utente, password e durata della sessione
Notizie: SMF - Just Installed!
 
   Home   Guida Ricerca Accedi Registrati  
Pagine: [1]
  Stampa  
Autore Discussione: PERCHE' I PARTITI ITALIANI DANNO CREDITO AL PIR...ALTRO CHE "PARTITO TELEMATICO"  (Letto 3428 volte)
0 utenti e 1 Utente non registrato stanno visualizzando questa discussione.
Giancarlo Germani
Moderator
Newbie
*****
Scollegato Scollegato

Messaggi: 1894


Presidente PIR


Mostra profilo
« inserito:: Mercoled Aprile 07, 2010, 10:10:02 »

    

        Molti non vogliono vedere la realtà per quello che è e cercano di archiviare l'atipicità del Pir sotto stereotipi di comodo tipo partito "telematico" o partito che entra in una garconnierra e via di questo passo cercando di discreditare questa realtà che al momento nel panorama delle organizzazioni romene non sembra avere molti concorrenti altrettanto validi anche se sicuramente alcuni godono dei favori di "certa stampa" che ha interessi a promuovere tutto, anche il nulla, meno il Pir perchè il Pir non è nè gestibile nè controllabile.


        Allora siccome saremmo "il partito virtuale" ma non dei fatti, elenchiamo un pò di fatti,che sono quelli poi che ci hanno reso e ci rendono partner credibili ed affidabili per organizzazioni e partiti italiani che non sono nè facilmente raggirabili nè ben disposti verso chi non mantiene i propri impegni:

- Siamo la prima organizzazione della comunità nata ufficialmente per fare politica,ci siamo costituiti, siamo andati da notaio, abbiamo fatto tutto quello che la legge italiana richiede per fare politica in Italia.

- Siamo nati e siamo cresciuti italiani e romeni insieme.

- Abbiamo "ideato" e proposto lo strumento della delega per la comunità romena come filtro tra le comunità ed i Comuni,ottenendo a Ladispoli per la prima volta in Italia la figura del delegato per la comunità Romena.

- Abbiamo portato per primi delle organizzazioni romene dentro delle prestigiose organizzazioni italiane,vedi Assoforunm a Roma.

- Abbiamo stretto rapporti di colaborazione con altre organizzazioni della diaspora europea,abbiamo concorso alla nascita del Miscarea Romanilor din Europa ed abbiamo stretti contatti con il Partito dei Romeni di Spagna,che è nato sulle orme della esperienza del Pir.

- Abbiamo solidi contatti con Il movimento degli immigrati di tutte le nazionalità ,che non a caso ha chiesto  al nostro Segretario di parlare dinanzi a decine di migliaia di persone ad ogni evento, incluse le manifestazioni contro il razzismo a Roma, il 17/10/09 e la manifestazione di Piazza Vittorio il 01/marzo/2010.

- Abbiamo effettuato la prima e sinora unica manifestazione di protesta in Italia portando un centinaio di persone in piazza il 3 ottobre del 2007 a manifestare contro gli attacchi mediatici di cui era vittima l'intera comunità.

- Abbiamo sempre difeso la comunità dagli attacchi dei politici e dei mass media italiani,arrivando a denunciare il Sindaco di Montalto di Castro ed il Senatore della Lega Stiffoni che avevano offeso il decoro dell'intera comunità.

- Abbiamo organizzato a Napoli,nello stadio Collana,la prima partita di beneficenza a favore di una vittima romena della criminalita.

- Abbiamo creato una struttura che non è implosa come tutte le altre e dove possiamo tranquillamente voltarci le spalle gli uni con gli altri senza avere nulla da temere, per che siamo i primi e gli unici ad averci tagliato i rami secchi pubblicamente, escludendo e isolando gli opportunisti, ed i farnulloni di professione, e non avremmo timore di farlo ancora, ogni volta che ci sara bisogno!

- Abbiamo promosso delle persone che si sono dimostrate una risorsa per la comunità intera,sia Italiani che Romeni.

- Abbiamo promosso le candidature di altri che ritenevamo capaci ed utili e non le nostre.

- Abbiamo accumulato preziose esperienze elettorali dalle quali abbiamo capito che le candidature sono solo la ciliegina sulla torta e che prima c'è tutto un grande lavoro da svolgere,come far capire alla gente perchè si vota e perchè bisogna iscriversi alle liste elettorali.

- Abbiamo ottenuto un  consigliere comunale a Stazzema,in Toscana,Antonio Giannelli con il Pdl.

- Abbiamo cercato di creare una rete di solidarietà ed amicizia sia tra di noi che verso il resto della comunità mettendo a disposizione anche le caratteristiche personali:avvocati,sindacalisti,imprenditori,operatori finanziari,badanti,operai,tutti cercano ed hanno cercato di dimostare con i fatti di voler diventare una vera comunità solidale senza scopo di lucro!

- Abbiamo stretto un protocollo di collaborazione con il Firi,una delle poche organizzazioni romene fattive e costruttive.

- Abbiamo manifestato pubblicamente il nostro dissenso sulla poltica Romena dinanzi al premier Boc ed al Ministro Videanu mettendogli davanti dei cartelli di protesta durante l'ultima  visita a Roma (incontro svolto con le porte chiuse per loro ordine espresso, senza la presenza dei giornalisti e neanche delle foto-video camere private).

-Abbiamo chiesto al governo Romeno l'istituzione di un fondo di urgenza per il rimpatrio delle salme dei Romeni morti sul lavoro in Italia, le cui famiglie non hanno soldi per riportarli in patria.

- Abbiamo sottoscritto protocolli di intesa politica a livello nazionale prima con l'Udeur,poi con Forza Italia e di recente con il Nuovo Psi Pdl.

- Abbiamo partecipato alle ultime elezioni regionali collaborando con i nostri alleati in diverse Regioni Italiane quali il Piemonte,la Toscana,il Lazio e la Campania dove i nostri rappresentanti hanno lavorato fianco a fianco con quelli del Nuovo Psi facendo delle preziose esperienze sul campo, dalla racolta delle firme alla composizione delle liste.

- Abbiamo avuto un candidato alle regionali del Lazio che è stato anche il primo candidato romeno  ritirato,perchè le candidature non servono ai candidati ma sono strumento politico al servizo del Partito e non viceversa ed in otto giorni non era possibile fare un dicorso politico serio.

- Abbiamo partecipato a tutte le manifestazioni in difesa dei diritti degli immigrati ed ai programmi radio e tv dove siamo stati invitati a discutere sui doveri degli immigrati, difendere i diritti e l'immagine degli stessi!

- Abbiamo partecipato come delegati ai "tavoli tecnici di lavoro" sui temi del immigrazione al ministero del interno, ministero del lavoro,ministero dell'istruzione, la Prefettura di Roma, il Comune di Roma.

     -Le nostre posizioni pubbliche sono state sempre coerenti e trasparenti,  in difesa della nostra comunita, dei diritti i doveri e delle leggi, e si posono vedere leggendo i nostri comunicati stampa oppure la rasegna stampa del PIR:

http://www.identitatearomaneasca.it/smf/index.php?board=2.0
http://www.identitatearomaneasca.it/smf/index.php?board=8.0
http://www.identitatearomaneasca.it/smf/index.php?topic=921.msg2426#msg2426

- Avremmo anche sbagliato, ma ci siamo assunti sempre apertamente le nostre responsabilità, ed e anche per questo che  ci difendiamo pubblicamente  con orgoglio, i risultati positivi ed i successi!



     Queste sono solo una piccola parte  delle nostre battaglie e delle cose che abbiamo fatto, contro tutto e contro tutti, contro chi sosteneva che i romeni non devono fare politica, che non devono mischiarsi con gli italiani, che un italiano non può essere presidente del Pir, e contro tante altre balle che hanno solo uno scopo: quello di cercare di buttare giù il Pir per lasciare campo libero alle Leghe, ai partiti romeni ed ai presidenti di associazioni che sono di fatto delle Srl spesso con un unico socio che hanno tanti scopi meno quello per cui dovrebbero essere nate : fare associazionismo.

    Se noi siamo "telematici" e se qualche organizzazione Romena (eccezione fatta per la Chiesa Ortodossa Romena) ha fatto di più e meglio di noi basta dimostrarcelo e saremo pronti a riconoscerlo.
Siamo coscienti di essere una realtà piccola, ma non perchè siamo piccoli noi, perchè le realtà della comunità queste sono, dove sono le realtà grandi!?  Basti vedere la figura rimediata dalla filiale  Pd-l (della Romania) a Venezia...di cui nessuno parla..chissà perchè...!?

       L'unica vera realtà al momento esistente è questa; siamo un seme che può germogliare e portare avanti le istanze della comunità, se poi qualcuno sà fare di più e meglio si accomodi..saremo i primi a dirgli bravi..ma sino a quel momento ci siamo meritati una cosa:
   -Il rispetto, e questo chiediamo sia agli  amici che ai nemici....che non sono più nemici nostri ma della comunità perchè vogliono soffocarla e farla rimanere divisa e succube e quindi controllabile...!?

Uniti suntem o forta!

   Il segretario nazionale PIR Mihai Muntean.        Il Presidente PIR Giancarlo Germani.



Share

Registrato

Pagine: [1]
  Stampa  
 
Vai a:  

Powered by MySQL Powered by PHP Powered by SMF 1.1.21 | SMF © 2006-2009, Simple Machines
XHTML 1.0 valido! CSS valido!
Pagina creata in 0.045 secondi con 22 query.