Identitatea Românească - Identità Romena
Sabato Agosto 24, 2019, 20:18:01 *
Benvenuto! Accedi o registrati.

Accesso con nome utente, password e durata della sessione
Notizie: SMF - Just Installed!
 
   Home   Guida Ricerca Accedi Registrati  
Pagine: [1]
  Stampa  
Autore Discussione: PARITÀ E PARI OPPORTUNITÀ  (Letto 1357 volte)
0 utenti e 1 Utente non registrato stanno visualizzando questa discussione.
ADRIAN TEODORESCU
Utente non iscritto
« inserito:: Marted Aprile 14, 2009, 21:33:39 »

Per le donne e per gli immigrati, le elezioni amministrative del 6 – 7 giugno 2009 a San Giorgio in Bosco, devono portare dei cambiamenti innovativi.
Ci vuole più parità e pari opportunità in rappresentanza a San Giorgio in Bosco.
Il 2007 la popolazione residente di San Giorgio in Bosco secondo i dati ISTAT era di 6179 persone. Se guardiamo il censimento ISTAT del 2001, si nota che a San Giorgio in Bosco erano 5834 residenti di quali uomini - 2886 ed donne – 2948.
Nel attuale Consiglio Comunale di San Giorgio in Bosco, ci sono 17 Consiglieri di quale 16 sono uomini e soltanto una donna, un rapporto poco proporzionale che secondo me ha bisogno di un equilibro diverso.
Sempre da questo anno a San Giorgio in Bosco, per prima volta gli immigrati comunitari possono partecipare alle elezioni amministrativi con diritto di voto passivo e attivo, possono eleggere e essere eletti come Consiglieri. Integrazione sociale per l’immigrati vuol dire anche questo, partecipare in modo attivo alla vita socio politica locale, in una forma anche di rappresentanza per gli immigrati.
Anche le donne e gli immigrati sono tuttora un motore importantissimo per il cambiamento, che può rendersi utile nelle sedi decisionale, politiche e amministrative.
Le donne e gli immigrati contribuiscono al redditto locale ed nazionale, perché non dovranno avere un ruolo ben determinato anche nella vita socio politica locale, partecipando anche loro alle decisioni che le riguardano?
Nei vari Comuni della Provincia di Padova esistono già delle Commissioni di Parità e Pari Opportunità, ed considero che attraverso queste Commissioni si può dare voce a tutte le persone che in qualche modo si sentono discriminate nel campo economico, sociale e culturale, per rimuovere gli ostacoli che di fatto costituiscono discriminazione diretta o indiretta nei confronti delle donne e degli immigrati per l’attuazione dei principi di uguaglianza e parità, cosi come sancito dalla Costituzione Italiana e dalla Comunità Europea.

http://sangiorgioinbosco.blogolandia.it/2009/02/04/la-parita-dei-sessi-e-realta-6265-residenti-3132-uomini-e-3133-donne/


Share

Registrato

Pagine: [1]
  Stampa  
 
Vai a:  

Powered by MySQL Powered by PHP Powered by SMF 1.1.21 | SMF © 2006-2009, Simple Machines
XHTML 1.0 valido! CSS valido!
Pagina creata in 0.042 secondi con 18 query.